Tawhid imamita



 

Shaykh as-Saduq, nel suo I'tiqadat-ul-imamiyyah (Le credenze imamite) afferma:

"Sappi che il nostro credo concernente il tawhid è che Dio, sia Egli esaltato, è Unico (tawhid) [in quanto al 'numero'] e Uno (ahad) [quanto all'Essenza, che è 'semplice' e 'non-composta].

Non vi è alcuno che Gli sia pari. Egli è l'Anteriore (qadim, antico); è sempre stato e sempre sarà l'Udente (sami') e il Veggente (basir), l'Onnisciente ('alim), il Saggio (hakim), il Vivente (hayy), l'Imperituro (qayyum), il Possente ('aziz), il Santo (quddus), il Conoscente ('alim), l'Onnipotente (qadir), l'Autosufficiente (ghani). Egli non può essere descritto in termini di quiddità (jawhar), corpo (jism), forma (sura) o qualità accidentali ('arad). Nè in termini di lunghezza (khatt), larghezza ('ard), superficie (sath), peso (thiqal), leggerezza (khiffa), quiete (sukun), moto (araka), luogo (makan) o tempo (zaman). Lui, sia esaltato, trascende tutti gli attributi delle Sue creature, è al di là da tutte le limitazioni (hadd) della trascendenza (ibtal) e dell'immanenza (tashbih). Egli è una Cosa (shay'), ma non è come le altre cose. Egli è semplicemente Uno (ahad), Rifugio Eterno (samad), Egli non genera, perciò non possiede eredi, non è generato e quindi non ha associati. Non esiste alcuno che Gli sia simile; Egli non ha pari (nidd) né oppositore (didd), né simile (shibh) né consorte (sahibah). Nulla può esserGli paragonato (mithl); Egli non ha rivali (nazir) né compagni (sharik). 

Gli sguardi non Lo raggiungono, ma Lui raggiunge gli sguardi.” (Sacro Corano, 6: 103).

I pensieri degli uomini non Lo comprendono; ma Lui li comprende.

Né torpore né sonno Lo sorprendono”. (Sacro Corano, 2: 255); 

ed Egli è il Gentile (latif) e l'Informato (khabir), il Creatore (khaliq) di tutte le cose. Non vi è divinità (ilah) all'infuori di Lui; a Lui solo appartengono (il potere de) la creazione (khalq) e l'autorità (amr). Benedetto (tabaraka) è Dio, il Signore dei mondi. Colui che crede nel tashbih (immanenza) è un associatore (mushrik). Colui che attribuisce agli Imam credenze diverse da quelle che sono state espresse qui riguardo all'unità di Dio (tawhid) è un mentitore. Ogni detto (khabar) contrario a ciò che ho espresso riguardo al tawhid è un'invenzione(mawdu/mukhtara'). Ogni tradizione (hadith) che non sia in accordo con il Libro di Dio è falsa (batil) e, qualora si trovasse nei libri dei nostri sapienti, è apocrifa(mudallas)." 

 

www.islamshia.org



1 next