Discorso integrale di Seyyed Nasrallah nel giorno di Ashurà 8-12-2011



Fratelli e sorelle. In questo giorno affronterò alcune questioni politiche e dobbiamo avvertire e ricordare che la vera minaccia per questa Ummah, per tutti i suoi paesi, persone e governi, è il progetto israelo-statunitense. Si tratta dell’Amministrazione statunitense, non importa chi ne sia il presidente, e del nemico che occupa la Palestina violando i luoghi santi, aggredendo il popolo palestinese e le popolazioni di questa regione. I maggiori saccheggiatori delle ricchezze della nostra Ummah sono gli USA e Israele.

I nostri popoli devono essere coscienti di questa verità, e non devono lasciarsi ingannare da questa nuova truffa statunitense. Gli USA hanno cercato nel corso di questo anno di presentarsi come i difensori dei diritti umani, della libertà e della democrazia nel mondo arabo, questi ipocriti e bugiardi, ma tutti conosciamo e siamo coscienti della loro storia di sostegno alle dittature. Tutte queste dittature che sono state rovesciate erano appoggiate dall’Amministrazione USA a livello politico, mediatico, di intelligence, militare, ecc.

Quando le popolazioni si sono ribellate e gli USA hanno visto che i loro seguaci venivano rovesciati uno dopo l’altro, li hanno abbandonati. Sapete voi, mie fratelli e sorelle, che queste sono le modalità che Satana utilizza, secondo quanto viene menzionato nel Sacro Corano? Satana farà questo nel Giorno del Giudizio, quando i suoi seguaci arriveranno ad un punto morto; egli li abbandonerà e agirà come se non avesse avuto mai nulla a che fare con essi. Le modalità sataniche dell’Amministrazione statunitense possono essere notate quando essa abbandona i suoi seguaci, alleati e burattini al sorgere dei primi segni di conflitto, cercando esclusivamente di difendere i propri interessi e di limitare le proprie perdite.

La nostra gente nel mondo arabo e islamico deve sapere che l’Amministrazione USA è il nemico e la minaccia. Forse non abbiamo ascoltato il presidente Obama, quando si rivolgeva alla lobby pro-israeliana e alle organizzazioni ebraiche degli USA, dire che “l’aiuto che il mio governo ha fornito alla sicurezza di Israele non è stato dato da nessun’altra amministrazione precedente”? E questo è certo.

Inoltre, nel periodo di Obama, la CIA si è trasformata in un servizio di spionaggio che in Libano lavora per il Mossad e gli apparati di sicurezza di Israele, fornendogli informazioni sui mujahidin che cercano luoghi di riparo per le loro armi, e sulle loro ubicazioni e abitazioni.

O popoli e forze politiche! Non lasciatevi ingannare dall’Amministrazione statunitense, giacché è quella che occupa la Palestina, viola la vostra Al-Quds (Gerusalemme), minaccia la sua Moschea Sacra, ed è responsabile - anche prima del nemico (sionista) - di mantenere migliaia di palestinesi nelle carceri, e di deportarli, torturarli e assediarli a Gaza e in Cisgiordania. Questi sono gli USA, dei quali dobbiamo ricordarci il 10 di Muharram, per non confondere il nemico con l'amico. Solamente dei ciechi possono confondere il nemico con l'amico.

Il nemico è l’Amministrazione statunitense e il suo “strumento” - e non “alleato” - nella regione, Israele, il quale viene utilizzato come punta della lancia per umiliare e opprimere gli arabi e i musulmani, e per imporre la propria volontà agli arabi e ai musulmani al fine di garantire un mercato per le sue armi e rubare il loro petrolio: bisogna tenere questo a mente.

In secondo luogo, anche in questo contesto dobbiamo essere tutti coscienti che, dopo il fallimento del precedente progetto dell’Amministrazione statunitense sul “nuovo Medio Oriente”, che è stato sconfitto dalla Resistenza in Libano, Palestina e Iraq, e dalla coscienza della gente di questa regione e dei paesi della Resistenza - alla testa dei quali si trovano Iran e Siria - gli USA e Israele hanno visto, nel contesto delle rivoluzioni e sollevamenti dei popoli arabi, un’opportunità per rilanciare il loro progetto sul “nuovo Medio Oriente”. Ma questa volta mediante una tattica differente, quella dei conflitti interni e della sedizione settaria, perché è l’unica opzione rimasta agli USA e a Israele per esercitare un controllo sulla regione.

In questo contesto abbiamo assicurato e torniamo a farlo, che bisogna evitare qualsiasi discorso settario o sedizioso perché serve gli interessi di Israele e degli USA. Dobbiamo rispettare le credenze sacre reciproche, e qui sottolineo la fatwa dell’Imam Khamenei, che ci obbliga a rispettare la santità e tutti i simboli di ogni scuola.

In terzo luogo, in questo contesto, parlo di Al-Quds (Gerusalemme), che è la causa centrale e il perno del conflitto in questa regione, e avverto in questo giorno sulla giudaizzazione che vi ha luogo. Ogni giorno vengono prese misure per giudaizzare l’intera Al-Quds.



back 1 2 3 4 5 6 7 8 next